Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Aiuti dall’Italia alla Croce Rossa di Beirut

Il Governo italiano, attraverso l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo AICS, ha firmato oggi ed erogato un finanziamento di 726.000 € alla Croce Rossa libanese, l’ente incaricato del trasporto dei casi di Covid-19 ed è uno dei principali attori sul campo che fornisce servizi di emergenza medica e gestione dei disastri dopo le esplosioni al porto di Beirut.

Lo scopo della sovvenzione è di contribuire alla risposta alla pandemia di Covid-19 e alle esplosioni di Beirut, sostenendo la capacità della Croce Rossa libanese di implementare i servizi medici di emergenza. Il contributo aiuterà a mobilitare le ambulanze dei servizi di squadra necessari per l’elevato numero di feriti dopo le esplosioni, pur mantenendo la sua risposta all’emergenza Covid-19, che recentemente è notevolmente aumentata. Il supporto andrà in particolare al trasporto in ambulanza di casi di Covid-19 confermati e sospetti e ai test PCR.

Inoltre, il contributo sosterrà la ristrutturazione dei centri danneggiati del settore dei servizi trasfusionali per far fronte all’elevata domanda di sangue necessario e per continuare le loro normali operazioni, inclusa la consegna di componenti del sangue, il rifornimento delle scorte di emergenza per garantire la sostenibilità e la manutenzione generale della popolazione colpita.

Donatella Procesi, direttrice dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo a Beirut, ha sottolineato: “L’Italia sostiene la Croce Rossa libanese nei suoi sforzi per combattere il Covid-19 e salvare la vita delle persone dopo le esplosioni a Beirut. È stato possibile in pochi giorni erogare donazioni a uno dei principali attori operanti sul campo”.