Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Il governo italiano finanzia la riabilitazione di 5 altre scuole pubbliche in Libano

Dal 2015 ad oggi la Cooperazione Italiana in Libano ha finanziato la riabilitazione di 45 scuole pubbliche

L’Ambasciata d’Italia a Beirut, attraverso l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, ha annunciato un nuovo finanziamento di 2 milioni di euro a sostegno del programma di riabilitazione scolastica dell’UNICEF, finalizzato a creare un ambiente di apprendimento più favorevole per studenti e insegnanti in Libano.

Dal 2015, con i fondi italiani, l’UNICEF ha condotto importanti lavori di riabilitazione in 38 scuole pubbliche in tutto il Paese, a beneficio di oltre 22.000 studenti che ora frequentano le lezioni in strutture migliori e più sicure. Altre 7 scuole sono attualmente in fase di riabilitazione con il sostegno dell’Italia.

Il nuovo contributo finanziario consentirà all’UNICEF di migliorare gli standard di igiene, salute e sicurezza in cinque nuove scuole. I lavori di riabilitazione trasformeranno questi istituti in spazi più amichevoli per i bambini con disabilità, installando rampe di accesso e rendendo i bagni più accessibili.

L’Ambasciatore d’Italia, Nicoletta Bombardiere, ha dichiarato: “La Cooperazione Italiana concentra i suoi sforzi nel settore dell’istruzione sulla riabilitazione delle scuole pubbliche, al fine di garantire un ambiente sicuro e positivo in cui i bambini possano ricevere un’istruzione di qualità e sviluppare capacità umane e di relazione, qualità che costituiranno la base della società di domani. La nostra visione mette le persone al centro della politica di cooperazione italiana”.

“Gli ambienti scolastici riabilitati hanno un effetto molto positivo sull’apprendimento dei bambini”, ha affermato Edouard Beigbeder, Rappresentante dell’UNICEF in Libano. “L’interruzione dell’istruzione negli ultimi tre anni ha provocato l’aumento dell’abbandono scolastico, garantire che i bambini rimangano a scuola è una priorità per l’UNICEF, e le strutture riabilitate non solo miglioreranno la salute e la sicurezza degli studenti, ma contribuiranno ad assicurare il benessere generale degli scolari nelle loro nuove classi”.

I lavori di riabilitazione comprendono l’installazione e la riparazione di porte e pavimenti delle aule, la piastrellatura tura dei cortili delle scuole, la pittura di edifici e aule scolastiche, l’installazione di nuove finestre in vetro e l’intonacatura esterna per le facciate e la manutenzione degli impianti elettrici.

Ogni scuola sarà inoltre valutata per ricevere, ove possibile, un sistema di risparmio energetico comprendente pannelli solari a complemento dell’infrastruttura pubblica in Libano. Le misure aiuteranno a ridurre il costo dell’elettricità a lungo termine e contribuiranno all’approvvigionamento energetico delle scuole durante tutto l’anno scolastico.