Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

L’Ambasciatrice Italiana visita il Magazzino Centrale dei Farmaci del Ministero della Salute Pubblica a seguito dell’intervento del Governo Italiano in risposta alla crisi sanitaria del Libano

L’Ambasciatrice d’Italia in Libano, Nicoletta Bombardiere, insieme al Ministro della Salute Pubblica, Firass Abiad, ha visitato oggi il Magazzino Centrale dei Farmaci (CDW) del Ministero della Salute Pubblica a Karantina alla presenza anche del rappresentante dell’OMS, Abdinasir Abubakar. La visita si inserisce nel quadro del contributo del Governo italiano per sostenere l’accesso e la disponibilità di cure salvavita per il cancro alla popolazione vulnerabile, ed è coincisa con l’arrivo di parte dei medicinali finanziati dall’Italia al CWD.

La visita ha rappresentato un’opportunità per conoscere l’intero sistema di distribuzione dei farmaci. È iniziata con una breve introduzione da parte del Responsabile del CDW, il Dott. Maha Naous, seguita da una presentazione tecnica della Direttrice del Programma Nazionale di E-Health, Lina Abou Mrad, sul sistema di tracciamento e localizzazione Meditrack – MOPH. Si è conclusa con un tour guidato del magazzino, comprese le aree di stoccaggio, i meccanismi di controllo della temperatura e l’inventario.

Le crisi politiche ed economiche in corso in Libano hanno avuto un impatto devastante sui bambini e gli adulti affetti da cancro in termini di accesso ai farmaci salvavita, con un aumento della morbilità e della mortalità. Il sostegno fornito dal Governo italiano riflette l’urgente necessità di affrontare la carenza di medicinali salvavita e migliorare l’accesso ai servizi sanitari di base tra i pazienti vulnerabili al fine di ridurre la mortalità e la morbilità evitabili.

Il contributo del Governo italiano per l’acquisto di farmaci oncologici, finalizzato tramite il Fondo di Emergenza Bilaterale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ammonta a 1.250.000 euro negli ultimi due anni e più di 300 bambini e 1000 pazienti adulti hanno beneficiato di questi farmaci.

L’Ambasciatrice Nicoletta Bombardiere ha ribadito il sostegno italiano al Libano in questo periodo di sfide e ha dichiarato: “L’Italia rimane impegnata ad assistere gli sforzi del Ministero della Salute Pubblica nel migliorare il sistema di sanità pubblica e l’accesso alle cure mediche, compresi i farmaci salvavita. Continueremo a lavorare a stretto contatto con le istituzioni libanesi e le organizzazioni internazionali per rispondere alle esigenze urgenti della popolazione”.

Il Ministro della Salute Pubblica, Firass Abiad, ha sottolineato l’utilizzo efficace dei fondi dei donatori affermando che “il sostegno del Governo italiano al Libano è stato fondamentale per il mantenimento delle funzioni essenziali del settore sanitario e per l’adozione di approcci innovativi, tra cui progetti di trasformazione digitale. L’implementazione di MediTrack costituisce un’iniziativa riformatrice per migliorare l’accesso equo ai farmaci e l’utilizzo efficiente delle risorse”.

Il Rappresentante dell’OMS, Abdinasir Abubakar, ha sottolineato il generoso sostegno del Governo italiano e la forte collaborazione con l’Ambasciata italiana e l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) in Libano. Inoltre, ha parlato “dell’importanza di colmare le lacune critiche durante le crisi umanitarie, ma anche di pensare in anticipo per costruire ponti per una rapida ripresa del sistema sanitario. Il sostegno del Governo italiano si è mosso su queste due direttrici, ha fornito farmaci salvavita per il cancro, impegnandosi contemporaneamente per il rafforzamento del sistema farmaceutico per il monitoraggio e la tracciabilità. Il generoso sostegno del Governo italiano consentirà al MOPH e all’OMS di raggiungere e salvare più bambini e adulti affetti da cancro”.

Infine, ha ringraziato il Ministro della Salute e l’Ambasciatore Nicoletta Bombardiere per il loro sostegno e collaborazione, e l’OMS continuerà a lavorare con tutte le parti interessate per promuovere un maggiore accesso ai servizi sanitari di base nell’ambito della Copertura Sanitaria Universale e della costruzione del sistema.