Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Conferenza stampa a bordo della nave militare italiana Francesco Morosini

In occasione dell’arrivo della nave militare Italiana Francesco Morosini nel porto di Beirut per concludere la sua missione di 6 mesi nell’Indo-Pacifico, l’Ambasciata d’Italia ha organizzato una conferenza stampa tenutasi dal Comandante della nave, Giovanni Monno, a bordo della nave in presenza di una tribuna di giornalisti e media.

Il Comandante Monno ha illustrato le attività svolte a bordo della nave che si distingue per la sua flessibilità operativa e le sue tecnologie avanzate. Ha esordito ringraziando calorosamente lo Stato libanese per l’accoglienza riservata alla nave e ha dichiarato: “Questo significa molto per me e per l’equipaggio della nave, e questo passo mira a consolidare le già forti relazioni tra Libano e Italia”.

Ha sottolineato che questa nave è una nave altamente tecnologica. È concepita per svolgere compiti militari, tra cui il pattugliamento, il trasporto logistico e il combattimento di superficie, e operazioni di protezione civile, come operazioni avanzate di ricerca e salvataggio, avendo un elicottero a bordo. Infatti, le due zone modulari di poppa permettono di imbarcare container su misura per la missione, come unità logistiche e sanitarie, e può imbarcare Forze Speciali o un comando complesso.

Ha inoltre annunciato che la nave è stata costruita interamente in Italia da Fincantieri con un nuovo design basato su una doppia prora sfalsata per supportare le caratteristiche idrodinamiche e ottimizzati sistemi di propulsione. Risparmiando sul consumo di carburante, può raggiungere una velocità massima di oltre 32 nodi.

La nave ha navigato per la prima volta nel 2022 ed è una delle navi da guerra più leggere. Pesa circa 6.679 tonnellate ed è lunga circa 143 metri con una larghezza di circa 16,5 metri. Può ospitare un equipaggio di circa 137 persone. Include sistemi di artiglieria di medio e alto calibro, schermi telecomandati, nonché un radar a doppia banda X, un radar di navigazione, un sistema di guerra elettronica, un sistema di identificazione di amico-nemico, oltre a elicotteri.

È importante sottolineare che uno dei compiti della nave Morosini è quello di svolgere attività di diplomazia marittima, condurre pattugliamenti in mare, nonché corsi di formazione per i paesi in cui svolge la propria attività. Può anche essere utilizzata per casi umanitari e trasportare un ospedale da campo a bordo.

Alla conferenza stampa è seguito un tour con i media.